Alain Delon, 80 anni e tanta malinconia


Bellissimo, occhi di ghiaccio e francese: praticamente perfetto. Compie ottant'anni un sex symbol universale. Alain Delon debutta a soli 23 anni e nel 1960 Luchino Visconti lo vuole per "Rocco e i suoi fratelli". Antonioni gli fa interpretare "L’ecliss" con Monica Vitti e nel 1963 è l'indimenticabile Tancredi ne "Il Gattopardo". Il suo ultimo ruolo è stato nel 2008 nei panni di Giulio Cesare per la saga di Asterix. Sex symbol universale, l'attore francese festeggia in disparte questo anniversario. Claudia Cardinale, amica e compagna sul set: "«Da tanto tempo non risponde al telefono, neppure a me. So che non abita più a Parigi. Non è facile vedere passare il tempo senza lo stimolo del lavoro"

'E' un personaggio shakesperiano smarrito in un'epoca di sfacelo generale, che percorre il mondo col suo sguardo d'acciaio, in cui sembrano brillare delle lacrime venute dalla più remota infanzia.' Non fu una delle tante donne innamorate del suo sguardo a dedicare queste parole ad Alain Delon, bensì un uomo, lo scrittore e sceneggiatore Pascal Jardin. Un giudizio rivolto al suo curriculum d'attore, non sempre apprezzato dalla critica, nonostante un Orso d'Oro alla carriera ricevuto a Berlino. Domenica l'attore di Visconti e Antonioni compie 80 anni, un buon motivo per rivedere i personaggi che lo hanno reso celebre

Nessun commento:

Posta un commento