Raffaele Sollecito ti organizza il funerale... la startup di fiori e lapidi


Fiori e lapidi ordinati in Rete

Si potrà chiedere di far pulire la lapide, o di portare un mazzo di fiori sulla tomba del proprio caro nel giorno del suo compleanno. In entrambi i casi, s’intende, una fotografia «in alta risoluzione» testimonierà l’operazione eseguita e quella stessa immagine potrà essere condivisa online. Ma non basta. Una mappa mostrerà dove è sepolto esattamente il caro estinto. E ancora, nell’impossibilità di organizzare tutto per benino da lontano, sul sito si troverà l’elenco completo degli «specialisti» del servizio, nella sezione e-Commerce (i «prodotti» potranno essere acquistati «comodamente» con un clic). Queste sono le cose più pratiche. Resta la parte «social», con la possibilità di pubblicare scatti, video o aneddoti che riguardano la persona scomparsa, trovando, magari, affinità elettive con parenti di altri defunti, e allacciando nuove amicizie. Raffaele Sollecito lo aveva pensato così e così lo presenterà oggi a Sanremo, con i suoi fornitori di elezione, i fiorai, che alla vigilia del Festival sono pronti per mostrare le loro creazioni migliori. Sarà presente anche lui, l’ex imputato nel processo per la morte di Meredith Kercher, assolto in via definitiva dalla Cassazione il 27 marzo del 2015. Dopo quel giorno Sollecito si è ripreso la vita, e con 66 mila euro della Regione Puglia ha dato vita a una startup dedicata alla commemorazione dei defunti, di cui aveva parlato con il Corriere tre mesi e mezzo fa. Cliccando sul portale BeOnMemories.com per adesso compare la scritta «work in progress, stiamo lavorando per voi». «Saremo pronti e operativi in primavera. Sono molto contento», racconta lui mentre cambia il treno per arrivare a Sanremo. La squadra è già formata: uno stagista, un segretario e un altro ragazzo che è impegnato part-time.

Nessun commento:

Posta un commento