Machu Picchu morte: turista tedesco cade mentre posa per la foto

Un turista sotto l'ombra di un ombrello rosso guarda a Machu Picchu.





Un turista tedesco è morto mentre cercava di scattare una foto in cima a Machu Picchu.

Il turista, identificato dalla BBC e dai media peruviani come il 51enne Oliver Park, è morto dopo essere scivolato da una sporgenza e dopo una caduta di circa 39 metri.

Egli era in posa per una foto a metà salto quando è caduto dalla montagna di Machu Picchu, che si affaccia sull'antica cittadella inca con lo stesso nome.





I funzionari peruviani hanno detto che il turista ha bypassato un cordone di sicurezza e si è avventurato in una zona off-limits prima di precipitare.

La morte del tedesco è stata l'ultima di una lunga serie di incidenti subiti dai turisti che hanno posato per le fotografie in luoghi panoramici.

Un giorno prima, un turista sud-coreano ha trovato la morte mentre si scattava un selfie nel nord del Perù. Il turista era a più di 480 metri al largo della cascata Gocta nella regione amazzonica, secondo il canale N.

I selfie dei turisti distratti sono diventati un pericolo per la sicurezza in tutto il mondo negli ultimi anni con la diffusione di smartphone e bastoni per selfie. La gente che scatta selfie è stata incornata dai bisonti a Yellowstone e colpita da treni in arrivo.

Machu Picchu è un luogo particolarmente pericoloso per tentare dei selfie. Il tempio di pietra è stato costruito dagli Incas intorno al 1450 e abbandonato circa un secolo più tardi, dopo l'arrivo dei conquistadores spagnoli. Il sito, che è considerato sacro da molti peruviani, si trova a più di 2400 metri sul livello del mare. Arroccato in cima a una cresta nelle montagne delle Ande, il tempio offre una vista mozzafiato di vette circostanti, nonché la valle del fiume a più di 300 metri più in basso.

Il patrimonio mondiale dell'UNESCO è attrazione turistica del Perù. E' così popolare che il governo peruviano ha deciso nel 2014 di limitare a 2500 il numero di turisti al giorno per motivi di sicurezza e per preservare le rovine.


Nessun commento:

Posta un commento