Chi posta citazioni d'ispirazione su Facebook e Twitter è meno intelligente























  • Le persone più ricettive a  pseudo citazioni "profonde" hanno avuto punteggi cognitivi più bassi.
  • Sono risultate anche più inclini a credere in cospirazioni e nel paranormale
  • I ricercatori hanno utilizzato molte citazioni dal guru spirituale Deepak Chopra 



La maggior parte delle persone conoscono qualcuno che con insistenza posta messaggi  o citazioni 
sulla loro pagina Facebook pagina o Twitter, che sembrano profonde ma alla fine sono senza senso. 

Ora c'è finalmente un po 'di rivendicazione per quelli di noi che non riescono a vedere la saggezza nascosta all'interno di queste raccolte di parole.

Un nuovo studio ha scoperto che le persone più ricettivi a queste cosiddette dichiarazioni d'ispirazione tendono ad avere anche livelli più bassi di intelligenza.


"Ogni decisione che prendo è una scelta tra un rimpianto e un miracolo. Io abbandono qualunque rimpianto e scelgo sempre i miracoli".
Deepak Chopra


Durante quattro esperimenti che coinvolgono 845 volontari, i ricercatori hanno chiesto ai partecipanti di valutare una serie di citazioni, per indicare quanto profonde pensavano fossero o se si trovassero d'accordo con esse.

Hanno usato frasi come 'L'attenzione e l'intenzione sono i meccanismi della Manifestazione' e 'Limmaginazione è dentro gli eventi in tempo spazio esponenziale'.


In molte delle prove, le citazioni sono state usate citazioni del guru Deepak Chopra.

Egli è ben noto per citazioni come 'la natura è un ecosistema autoregolante di consapevolezza' e 'nel bel mezzo del movimento e del caos, mantieni la quiete dentro di te'.


I  risultati supportano l'idea che alcune persone sono più ricettive a questo tipo di str...ate, e che essi sono coloro che tendeno meno e riflettente, cioè quelli con più basse capacità cognitive, sono più inclini a confusioni ontologiche e sono più propensi a supportare credenze religiose e paranormali, e ad approvare medicine complementari e alternative .



Nessun commento:

Posta un commento