Epson: un centro di riciclaggio carta direttamente nel tuo ufficio

Epson's PaperLab turns useless trash into fresh sheets of paper Dopo aver caricato carta straccia e premuto start, paperlab richiede circa tre minuti per produrre un nuovo foglio di carta.


Anche se non si possiede una stampante o non si utilizza più di tanto al lavoro (probabilmente no), il fatto è: Stiamo ancora usando un sacco di carta.
Nel 2013, i paesi che hanno consumato più di carta sono la Cina (più di 110 milioni di tonnellate), gli Stati Uniti (circa 80.000 tonnellate) e il Giappone (circa 30.000 tonnellate), secondo le statistiche.
Dal momento che gli uffici sono fra i principali responsabili della produzione di rifiuti di carta, Epson ha sviluppato una macchina per il riciclaggio della carta chiamato PAPERLAB, che trasforma la carta si stava per buttare, in carta pronta per l'uso. La società prevede di mettere paperlab in produzione in Giappone nel 2016, per lanciarlo in altre regioni più tardi.
Una macchina per il riciclaggio è costituita normalmente da un impianto di magazzino con macchinari gigante che non sono esattamente compatibili con un ufficio. In questo, PAPERLAB è unica. Con 8.5 x 4 x 6 piedi, PAPERLAB non occuperà molto spazio.
La carta di solito passa attraverso un ampio processo di riciclaggio e deve essere trasportata da un ufficio a un impianto di riciclaggio, per poi tornare in ufficio.
Paperlab sta cercando di abbreviare tale processo. Dopo aver caricato carta straccia e aver premuto start, paperlab richiede circa tre minuti per produrre il primo nuovo foglio di carta, dice Epson. Ciò equivale a circa 14 fogli A4 (8,3 pollici da 11,7 pollici) al minuto e 6.720 fogli in un giorno di otto ore. Si può produrre una varietà di carta, da diversi spessori, colori e profumi per biglietti da visita.
La stampante può anche aiutare a smaltire in modo sicuro documenti riservati.Le aziende a volte assumono degli appaltatori per gestire questa situazione, se non hanno a disposizione dei trituratori, ma a quanto pare paperlab , può ridurre i documenti in fibre di carta durante il processo di riciclaggio. Epson dice che PAPERLAB non utilizza acqua, come la carta spesso richiede, anche se una piccola quantità viene utilizzata per mantenere una certa umidità all'interno del sistema.
Le Tecniche di Epson ( come quella di sostituire l'acqua), non sono del tutto chiare.L'azienda utilizza quella che chiama una "tecnologia a fibra secca", che trasforma i rifiuti in carta, fibre lunghe e sottili di bambagia. A quel punto, "una varietà di differenti leganti può essere aggiunta" per aumentare la resistenza o alterare il colore; la carta viene poi formata in qualsiasi tipo specificato.
Un prototipo di sviluppo sarà dimostrato presso lo stand Epson a Eco-Products 2015, una mostra ambientale al Tokyo Big Sight dal 10-12 Dicembre.

Nessun commento:

Posta un commento