Mistretta: falso furto di bestiame, scattano gli arresti

Una imprenditrice e il nipote organizzano un furto di bestiame simulato, due denunce nel Messinese



I carabinieri hanno denunciato per "simulazione di reato in concorso", la titolare di un'azienda zootecnica, una donna di 58 anni di Capizzi (Messina) e il nipote di 22 anni. I due avevano simulato il furto di 119 animali per sanare la situazione di fatto emersa a seguito di un controllo veterinario effettuato da personale dell'Asp per verificare il numero dei capi dichiarati dall'azienda, 172; ma gli animali all'atto del controllo erano solo 53. L'imprenditrice e il nipote hanno giustificato l'ammanco dichiarando il furto, mai avvenuto. L'ipotesi su cui stanno ancora lavorando i militari dell'Arma è quella di una probabile vendita sul mercato nero degli animali da destinare alla macellazione clandestina.

Nessun commento:

Posta un commento